La storia di Gianna Jessen in un film: October Baby. Come la vita ha vinto sull’aborto

“Hannah è una bella ragazza di 19 anni, matricola al college che nonostante la sua energica (e a tratti ingenua) personalità, si è sempre sentita distaccata dal suo ambiente.

Le manca qualcosa, ha sempre sentito un’ombra sulla sua esistenza, sul suo diritto di esistere. Dovrà superare un forte shock quando realizzerà che la sua non è una semplice condizione interiore o caratteriale, ma piuttosto il marchio di un’esperienza che non aveva potuto vivere coscientemente. Non solo la ragazza verrà messa al corrente di essere stata adottata, ma scoprirà di essersi conquistata la vita per fatalità, scampando all’aborto.

Alla disperata ricerca di risposte intraprenderà un viaggio in compagnia di alcuni amici alla ricerca della propria madre biologica, iniziando così un doloroso percorso di crescita interiore e consapevolezza che si risolverà nella possibilità di offrire o meno un perdono.”

Questa è la trama di “October Baby” un lungometraggio che il cinema americano ha confezionato per noi in modo straordinario e che verrà proiettato nelle sale dalla prossima primavera. Da fonti d’oltreoceano sembra che purtroppo è ancora presto per dire se la pellicola arriverà in Italia. Lo speriamo davvero, intanto potete leggere la vera storia da cui è tratto questo film dall’articolo che abbiamo pubblicato sotto: “Sulla mia fronte è scritto trattami bene perché mio Padre è il padrone del mondo”.